giovedì 24 luglio 2014

Biiiip!

Se avete un qualsiasi "problemino", non ditelo ai vostri figli, soprattutto non ditelo a Marta!


con tono di voce ALTO

Ora, ai BIP sostituiteci qualsiasi parola-malattia-disturbo e il gioco è fatto.
Io? non mi farò vedere dai condomini per un po' di giorni, per la vergogna (per fortuna il meccanico, l'elettrauto e la custode del palazzo accanto non l'hanno saputo!)

mercoledì 23 luglio 2014

Shopping on-line


Sì, viva!
E' vero che ci sono i giorni in cui passeggiare per negozi mette di buonumore (o malumore…a seconda del risultato), e gioisci nel provare, riprovare, odorare le stoffe, toccare, scegliere, non comprare, comprare l'inutile. Ma, lo ammetto, la pigrizia ultimamente ha la meglio su me e l'idea di potermi sedere davanti al monitor e scoprire il mondo della moda in pochi click, navigando tra offerte, outfit, abbinamenti improbabili (per me), colori e modelli, mi piace.

La mattina presto o la sera sono i momenti migliori: nessuno in giro, marito fuori casa, nana a letto…il web è mio!
Quando ero piccola sognavo che si potessero materializzare i vestiti che mi piacevano. All'epoca esisteva Postal-market: lo sfogliavo e pensavo "Sai che bello se, vedendo un abito, questo possa presentarsi a casa tua?. Bene, a distanza di anni posso dire che ora funziona così (certo, io immaginavo una sorta di stampante 3D per abbigliamento, in cui tu ci mettevi l'intenzione e il desiderio, non certo il denaro, ma 'fa nulla).
Ora guardi, scegli, paghi e…driiinnn! posta!

Ultimamente sono in fissa con Mango. Provàti un paio di abiti comprati da mia sorella direttamente in Spagna, ne ho capito la vestibilità e mi son data allo "spulciamento" del loro shop….ecco, da perderci le ore.
I prezzi mi sembrano buoni, idem la qualità (ma di questo saprò dire meglio avanti, dopo aver usato gli articoli…sono ancora una novellina).


Da loro ho acquistato tre vestiti, una gonna per la nana - che non si toglie più di dosso - e due t-shirt. Non sono diventata di colpo ricca e spendacciona: per il mio compleanno ho avuto due buoni da spendere on-line presso lo store di Mango, ecco svelato il mistero. I buoni non sono ancora esauriti (io sì), sto valutando con calma altri prodotti.

Per ora sono pienamente soddisfatta…e poi…almeno così cerco di dare una svolta al guardaroba, visto che ci son cose in mio possesso da ben 12 anni. Sì, ok, son soddisfazioni, vuol dire che riesco a entrarci a pieno in quei pantaloni vecchi 12 anni, o in quelle t-shirt, però…manca poco che diventano vintage! Io vintage lo sto già diventando...

domenica 20 luglio 2014

Riassunto di 5 giorni


…ma 5 giorni son sempre 5 giorni…e anche un solo giorno fuori porta avrebbe portato una fresca ventata di vacanza, per cui non possiamo lamentarci!
Poi comunque 'sta vacanza di essere fresca lo è stata proprio, nel vero senso della parola. Ad accoglierci a Vieste (sul Gargano, Puglia) una nuvolosissima giornata e un po' di pioggia. Giorno due coperto, ma abbiamo rischiato e a mare ci siamo andati ugualmente. Giorni a seguire sole, no nuvole, venticello, scottatura solare nonostante la protezione ('chè il venticello ti frega, è risaputo).
Per questi 5 giorni siamo partiti con:


Tutto questo nella nostra mini-auto, quella scampata all'incendio Di Pompei del 79 D.C. *
Devo dire che tutto era sistemato e incastrato con eleganza e discrezione.

Giorni di vacanzina, senza troppi orari, senza grandi pretese: mare, pranzo e cena quando lo stomaca reclamava; cene per lo più in giro e pranzi nella mini-casa. Qualche giretto, gelato, amaro…no computer, la settimana enigmistica (perchè per me è estate quando compro la settimana enigmistica. Ormai è così da circa 19 anni…son quelle piccole abitudini genuine).

E niente, siamo tornati più carini e abbronzati. E ci siamo rituffati nelle giornate cittadine, tra un lavoretto e un altro (io), le partenze varie (lui), e una nana che ancora non sa giocare troppo da sola (e quindi vi rimando al post di Cecilia).

"L'ultima spiaggia", Vieste

Mare cristallino, sabbia scura, metri e metri di bassa marea

La spiaggia vista dal mare

Tramonto a Peschici

Intrattenimento in attesa della cena



Primo giorno a Vieste (l'ombrello era timido, s'è nascosto)


Amaro alla liquirizia…:-)


Facendo i conti: abbiamo speso poco (la solita materialista!) e le vacanze a luglio sono belle, perché hai sempre la prospettiva di poter fare un po' di mare almeno per un altro mese, e perché non c'è folla.

*la notte tra pasqua e Pasquetta la nostra auto "grande" è stata bruciata da vandali


Ah, questo è un supermercato di lì. Tutte le volte che leggevo il nome
cantavo automaticamente questa canzone:



domenica 13 luglio 2014

fiori e matrimoni


Questo post si intitola "Cosa fai per campare?".
Da qualche mese mia sorella collabora con una fioraia: oltre a prendere confidenza con il mondo dei fiori e delle piante, le tocca fare anche consegne a domicilio.
L'altro giorno erano a corto di forze e avevano in programma due matrimoni, stessa ora, luoghi diversi. 

Senza pensarci troppo ho risposto "sì, lo voglio".
Quello che dovevo fare era:

- portare bouquet damigelle, coccarde per auto, mazzettini per uomini, fascio fiori per la chiesa, pianta per foto in casa, tappeto e piante decorative per esterno portone a casa della sposa

- due tappeti, quattro piante per la chiesa, cestini con petali di rosa in chiesa.

- riprendere piante da casa sosa durante la Messa

- riprendere decorazioni dalla chiesa a fine cerimonia.

Facile, no? Se non fosse che ho sbagliato strada e ho rischiato di arrivare tardi in chiesa (cioè…non so se sono arrivata tardi o se lo sposo, in preda all'Asia, è arrivato in largo anticipo); avevo ansia a mille per paura di fare schifezze con le decorazioni (dovevo decorare i vasi porta petali e l'inginocchiatoio degli sposi). Avevo tulle che mi usciva da tutte le parti. Per la gioia di Marta ora tutto quel tulle "sbagliato" è arrivato a casa.

Comunque esperienza carina - e posso dire finalmente che non si è trattato di beneficenza, ma son stata pagata - e chissà, da ripetere…magari capiterà in una giornata in cui non avrò da disegnare (per fortuna stanno arrivando varie commissioni interessanti), e quei solini lì mi faranno comodo. E poi, i fiori, hanno un (bel) che di artistico :-)







martedì 8 luglio 2014

cominci bene e poi basta poco...

Tralascio la prima parte (lo shopping on-line può dare grande soddisfazioni), per soffermarmi sulla seconda: niente di tragico…solo una figlia che ha scatti da pre-adolescente e che a volte mi manda in tilt, e una mamma che pensava di essere nervosa essenzialmente per gli ormoni, ma si è trovata a non saper affrontare la situazione anche con gli ormoni quieti.
Sono un po' di giorni che qui si discute animatamente: due contro uno, e la uno vince. Io sento di non possedere gli strumenti per affrontarla al meglio, e sbaglio, sbaglio alla grande.
Il primo scatto da "pre-adolescente in attesa delle sue cose" è arrivato sabato per una maglietta e un paio di leggings che proprio non le andavano giù. 
Poi si passa al non ubbidire, al contestare qualsiasi cosa le venga chiesto, al temporeggiare nei miei momenti di assoluta stanchezza.
Io urlo, lei urla. Io le do' uno schiaffo sul culetto, lei risponde a dovere (con il papà poi non ne parliamo). Io la sgrido, lei usa parole di sfida. La minaccio e lei lo fa con me.
Fino a che stasera sono crollata davanti a lei. Ho pianto mentre le parlavo; lei si è impietosita, ha cambiato repentinamente atteggiamento.
Non si fa, lo so…ma…un po' non ce la facevo più (ogni giorno esce una novità…mi chiedo dove abbia imparato la maleducazione), un po' sapevo che avrebbe avuto effetto su lei. E così è stato.
Però…aiuto. Parlerò seriamente con uno psicologo dell'infanzia, per "armarmi", ma di armi giuste e sane. perché le brutte parole, i toni alti e i tentavi di schiaffi non portano a nulla.

sabato 5 luglio 2014

Sorpresa!


È capitato per caso...improvvisamente, senza alcun preavviso. Nessun piano, nessuna organizzazione, nessuna strategia. É bastata una notte di tosse, un accompagnamento nella sua stanzetta per lasciar riposare il papà che era tornato tardi e...vittoria! Ora nel lettone siamo di nuovo in due, e non mi sembra vero...alle volte mi sveglio per controllare...quasi quasi dormivo meglio prima...SCHERZO! :-)

il desiderio irrefrenabile di parlare

Dunque, signore mie...vi ringrazio per i complimenti, tanto, credetemi, ma se questi son poi accompagnati da tirate di piedi, allora no...