martedì 21 febbraio 2017

La gravidanza ti fa bella, dicono

La gravidanza ti fa bella (almeno esteriormente). 

Mica me lo ricordavo...beh, dopo 7 anni.

Certo, quando mi rivedo nelle foto tutta 'sta bellezza non la trovo, ma quando mi guardo allo specchio riesco a scorgerne alcuni tratti: pelle più distesa e priva di impurità; capelli meno grassi (che, per una che si li lava abitualmente da 4 a 6 volte alla settimana, beh, è un gran traguardo). Occhi più brillanti.

Allora devo credere a chi, quando ha saputo della mia situazione, mi ha prontamente detto "Lo avevo capito, sai? è bastato guardarti, avevi una luce diversa!".
E poi il seno...quando mai son stata una seconda abbondante? Non sono MAI riuscita a riempire i miei baby reggiseni.
Però, di contro, ci sono gonfiori e protuberanze che non mi stanno convincendo molto. Così ho deciso: ho acquistato un altro costume olimpionico, uno dotato di airbag anteriore e da sabato, salute permettendo, si torna in vasca. Finora la mancanza di divisa e la stanchezza di sottofondo, mi hanno fatto demordere; ma mi son bastate un paio di luci di un camerino, lo specchio sbagliato in camera da letto, accanto alla finestra, il pensiero che dopo giugno potrei andare in spiaggia, potrei scoprirmi un po' di più...e sono corsa - letteralmente - a comprarmi il necessario, un fantastico costume che mi fa sembrare più signora, bassa, con sedere e ginocchia cascanti, ma tanto, in acqua, chissenefrega!                                


Invece quello stato di grazia che dicono esistere durante i 9 mesi, beh...quello questa volta non riesco a trovarlo. Lo stato di grazia è direttamente proporzionale alla tua vita e a quello che fai. Quando non hai figli, hai la possibilità di goderti ogni istante, ogni cambiamenti - almeno così è stato per me la prima volta, nonostante i crucci di un lavoro che cominciava a andar male.
Riesci a prenderti cura del tuo corpo, a pensare all'esserino e a nient'altro, a fantasticare di più su lui/lei, su quello che gli/le servirà. A spalmarti olio di mandorle dolci e creme a ogni doccia. A preparare il corredo per la creaturina.
All'epoca quello che ci occupava le giornate era il pensiero di Marta, e la ricerca di una casa più grande che potesse ospitare questa piccola famiglia.
Questa volta la casa, se pure in fitto, c'è ancora. Un letto per lei anche, così come il passeggino.
Il resto è in via di sviluppo.
L'esserina non dispone ancora di un nome: Marta era Marta sin da prima di scoprirne il sesso. Qui siamo ancora in bilico tra una serie di possibilità, ma nessuna che ci convinca del tutto.
C'è tempo! ci diciamo. Però, mica tanto, sapete?
Così, tra un pensiero e un altro, una commissione, spese da sostenere, scuola, malattie della sorella maggiore, partenze, lavori da portare avanti o inventarsi, casa da pulire...il tempo vola, eccome se vola.
Di natura io posticipo, anche se son presa da attacchi d'ansia (che si manifestano la notte, con i sogni/pensieri.

E' che ora c'è la necessità di stringere la cinghia e non abbandonarsi alla prima cosa carina che si vede in giro; bisogna farsi maggiormente i conti in tasca, scegliere con accuratezza e saggezza, scartare l'inutile, facendo memoria della gravidanza precedente. Pensi di essere più preparata, ma non so se poi sarà vero, alla fine dei mesi.

Intanto nuotiamo, va'! L'acqua ci porterà consiglio (speriamo!).

martedì 7 febbraio 2017

La petulanza, sgradevole come una flatulenza


Ero già petulante; da un po' lo sono fino allo sfinimento.
Comincio la mattina "fai colazione! è tardi! è suonata la campana!".
Continuo a pranzo "Hai finito di mangiare?noi siamo alla frutta! Sbrigati". 
Proseguo "Raccogli da terra! Togli di mezzo le cose che non devi usare! Prendi questa cosa e rimettila a posto! Mettiti le ciabatte! Non stare scalza!".
Fino a sera "Vai a metterti il pigiama! Hai lavato i piedi? Hai lavoro i denti?".
E quando è raffreddata...mamma mia! "Soffia il naso! soffia il naso forte! Devi soffiarti il naso! soffia il naso e poi facciamo questa cosa".

Basta! Non mi sopporto più!

Non è possibile tutto ciò, non si può andare avanti così. Ricordo che io non sopportavo mia mamma quando ripeteva fino allo sfinimento le stesse cose. La situazione è migliorata quando sono andata a vivere da sola. Solo che, 'sta povera creatura ha ancora un po' di anni da vivere con noi.
Allora che si fa?
Alle volte ho provato a contare fino a 10, alle volte faccio da me per evitare di parlare e lasciarla giocare. Alle volte ce la faccio a chiudere un occhio; solo che, quando poi, girando per casa, trovo: giocattoli e gioielli in bagno; cambio abito sparso sul nostro letto e armadio aperto (o ancora robe buttate alla rinfusa per far credere di aver messo a posto, sempre nel nostro armadio); cambio abito in camera sua; stivali per la pioggia, miei, con cui ha giocato, sotto il tavolo della cucina; alto paia di scarpe, mie, in soggiorno, oltre a quelle in camera sua; bambole e copertine, oggetti da pronto soccorso...varie e eventuali in giro, allora io...

...non ci vedo più, e non dalla fame. 
Lei mica si spaventa! Lei sbuffa, come io sbuffavo a 14 anni. Oppure borbotta, o sicuramente penserà qualche bella frase ad effetto.
Io a fine giornata mi sento pesante, molto pesante. Sento di aver reso pesante tutta la casa, il nostro rapporto e il rapporto tra me e lui. Ne sono convinta.
Allora come ci si comporta? Questo proprio lo ignoro. Non capisco quale sia la strada giusta, se ce n'è una sola o se si aprono molteplici possibilità. Cerco un confronto, una parola per non sbagliare - troppo -; non voglio le prediche di mia mamma, non voglio la chiave per non sbagliare mai. Voglio un confronto alla pari sull'educazione dei figli e su come smussare certi lati di se stessi.
Vorrei sapere che lasciar correre non causa danni.
Vi prego, o voi che leggete, scrivete qualcosa. Fatemi sentire meno sola, regalatemi qualche perla di saggezza perché io, in questo momento, ne HO VERAMENTE BISOGNO.


SalvaSalvaSalvaSalva

il desiderio irrefrenabile di parlare

Dunque, signore mie...vi ringrazio per i complimenti, tanto, credetemi, ma se questi son poi accompagnati da tirate di piedi, allora no...